Un ambulatorio medico antico: due libri recenti sul "Chirurgo di Rimini"

Giulia Ghiretti

Abstract


Durante gli scavi della domus detta "del Chirurgo", un edificio situato nell'antica Ariminum e crollato nella seconda metà del III secolo d.C., fu ritrovato un impressionante numero di oggetti collegati alla pratica medica. L'eccezionale importanza del ritrovamento è data, oltre che dalla ricchezza dello strumentario, dal fatto che il sito ha conservato senza alterazioni il contesto in cui il medicus abitava e praticava la sua professione. Il presente articolo intende ripercorrere i risultati della ricerca più recente sulla domus alla luce delle nuove informazioni contenute in due libri recenti, comparandoli con altre tipologie di dati (letterari, documentari, iconografici), così da valutare se e in quale misura corrispondano e si integrino tra loro, specialmente per quanto riguarda alcuni aspetti concreti della pratica medica antica.

An impressive set of ancient medical and surgical instruments was found during the excavations of the "Surgeon's domus" in Rimini, a Roman structure destroyed by a fire in the late 3rd century AD. The fact that, after the building had collapsed, furniture and surgical instruments remained untouched under the debris until 1989, thus providing the archaeologists a "still-life photograph" of the site in which the medicus used to live and practice his skills, increases the relevance of this find. This article summarizes the results of recent research focusing on the new information provided by two recent books compared to literary, papyrological and iconographic evidence. The goal is to evaluate if and how both archaeological and written evidence can be integrated for a better knowledge of ancient medical practice.


Full Text: PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.